la nostra storia… mamma Federica e Rebecca

..avevo voglia di scrivere……..la nostra storia e’iniziata una notte con un sogno che feci. Una vocina che diceva “e adesso siamo in tre”… Al mattino mi svegliai chiedendomi il significato di quello che avevo sognato senza però pensare alla cosa piu’ovvia perchè oramai ci avevo messo “una pietra sopra”. Anni fa infatti col mio compagno cercammo di allargare la famiglia e dopo svariati tentativi finimmo seguiti da una dottsa specializzata a fare cure,a prendere pastiglie e fare iniezioni per la fertilita’..tutto senza successo… Decidemmo così  insieme che eravamo una famiglia anche in due e ci arrendemmo. Passarono i giorni da quel sogno, e per farla breve, dopo aver fatto due test di gravidanza positivissimi ci trovammo al consultorio x datare la gravidanza. A vedere quel puntino io scoppiai a piangere e mio marito a ridere ! Io a 38anni, con una mamma gravemente malata e per di piu’a casa nostra, mi trovavo con nella pancia la cosa che piu’desideravo al mondo..un cucciolo…

(altro…)

Continua a leggere

Questa è la mia storia …la storia di Jessica.

Questa è la mia storia …
Di una ragazza piena di dubbi ,di paure … che la prima volta che ha avuto un ritardo , le tremavano le gambe in attesa che quel test le dicesse che cosa sarebbe diventata ….
Ed qui che comincia il mio viaggio …. 3+ SEI INCINTA ! Tra 9 mesi sarai mamma !!!
Non sto nella pelle , salto , urlo , abbraccio mio marito .. sono felice , chiamo mezzo mondo , tutti devono saperlo … !!
Passato l’entusiasmo iniziale cominciano anche le nausee mattutine , i capogiri, il sonno, la fame infinita  e poi la bilancia che ti aspetta che sembra godere ogni volta che ti segna qualche kg in più…
(altro…)

Continua a leggere

“buona Lalla di mamma”.. la storia di Chiara e Giada

La nostra storia di latte ha inizio il 6 Novembre 2014.
Ho dato alla luce la mia Giada con un parto cesareo dopo un lungo travaglio e dopo un grande spavento dovuto dalla sofferenza fetale, quando uscí mi è stata messa sulla spalla ma non ho potuto subito attaccarla per via dei controlli pediatrici, ero molto provata perché volevo attaccarla subito al seno e passavano le ore e lei non era con me, finalmente dopo 4 ore mi portano Giada e io subito me la sono fatta mettere sul petto per attaccarla al seno e tra i dolori del cesareo e il capezzolo destro che non voleva “collaborare” perché cieco (non so se il termine giusto) e non voleva uscire piangevo ogni volta che cercavo ti attaccarla.

(altro…)

Continua a leggere
  • 1
  • 2