Questa è la mia storia …la storia di Jessica.

Questa è la mia storia …
Di una ragazza piena di dubbi ,di paure … che la prima volta che ha avuto un ritardo , le tremavano le gambe in attesa che quel test le dicesse che cosa sarebbe diventata ….
Ed qui che comincia il mio viaggio …. 3+ SEI INCINTA ! Tra 9 mesi sarai mamma !!!
Non sto nella pelle , salto , urlo , abbraccio mio marito .. sono felice , chiamo mezzo mondo , tutti devono saperlo … !!
Passato l’entusiasmo iniziale cominciano anche le nausee mattutine , i capogiri, il sonno, la fame infinita  e poi la bilancia che ti aspetta che sembra godere ogni volta che ti segna qualche kg in più…
(altro…)

Continua a leggere

Lettera alla piccola Sara che sono stata

Piccola sara foto allattamentoVorrei dire alla Me bambina che non ho mantenuto proprio tutte le nostre promesse, che so sempre cosa fare al momento in cui devo fare anche se, talvolta, nell’immediato mi sento spaesata ed incapace.

Vorrei raccontarle del fatto che la cioccolata mi piace ancora un sacco e che Mary Poppins è rimasta la mia icona di donna perfetta, nonostante da lei abbia appreso e mantenuto solo la capacità magica di fare di una borsa una casa portatile.

(altro…)

Continua a leggere

…sono certa che ricorderemo entrambe questo fantastico amore liquido tutto nostro….

relax per 2 …

Il 21 settembre 2015 era una notte tranquilla quando a gran velocità è arrivata la mia piccola Bea, è li che inizió la nostra storia d’amore liquido. Sono arrivata al momento del parto seguendo i vari corsi preparto dove si è parlato tantissimo di allattamento; per me era una normalitá, nella mia famiglia hanno allattato tutte per molto tempo, raccontato e visto molto serenamente. Ho sempre quindi pensato che fosse tutto semplice…poi arriva lei di 3.050 affamata, sembra attaccarsi subito bene…sembra…perchè al secondo giorno di vita io avevo un dolore tremendo, tramutato in ragadi..

(altro…)

Continua a leggere

…ma io e te amore mio non ci siamo arresi e continueremo il nostro percorso affrontandolo insieme…

Sei arrivato il 7 febbraio 2017 dopo un’ora e mezza dal ricovero. Parto naturale per 4 chili e 20 grammi insomma come terzo figlio non è niente male. Essendo il terzo pensi che tutto filerà liscio perché ormai sei esperta e non hai le 1000 paure che potevi avere col primo. In sala parto ti sei subito attaccato e anche solo tenerti in braccio e guardarti ciucciare per me era una gioia immensa. Quei due giorni in ospedale sono trascorsi con grande serenità, ti sono venuti a trovare i tuoi fratelli e ti hanno tenuto in braccio e vedervi tutti e tre insieme era come aver vinto al superenalotto.

(altro…)

Continua a leggere

Ho allattato con il cuore, con la testa e..con il tiralatte. La storia di latte di Serena e Mariasole

Quando ero in attesa di Mariasole pensavo che allattarla sarebbe stata la cosa più semplice e naturale al mondo. Perché e’ così che ai corsi pre-parto l’allattamento viene dipinto: un momento magico in cui tutto è spontaneo ed idilliaco, il bimbo si attacca seguendo il suo istinto naturale e la mamma è lì, pronta ad offrire tutto il suo latte. Nessuno ti dice cosa è realmente l’allattamento.

(altro…)

Continua a leggere

Sono proprio quei giorni duri che ho superato, che mi hanno portato fino qui…la storia di Valentina e Carlotta

Carlotta è nata giovedì 5 gennaio 2017 con taglio cesareo d’urgenza, perché dopo avermi indotto il parto col gel a causa del mio diabete insulinodipendente, Carlotta è andata in sofferenza fetale e non vi nascondo che per me furono i 40 minuti più lunghi e brutti della mia vita, finché l’ansia e il silenzio in sala operatoria furono rotti dal più bel suono del mondo, il pianto della mia bambina! Purtroppo le ore successive, non furono spensierate come avrebbero dovuto essere, sempre a causa dell’insulina Carlotta continuava ad andare in ipoglicemia e decisi di fare la prima notte senza la mia cucciola, la feci riportare in nursery perché non ero in grado dopo l’operazione di prendermi cura di lei. Ogni due ore il suo papà andava in nursery a darle un bibe di latte artificiale. Da lì iniziò il calvario per attaccarla alla tetta! La mia bambina era piccolina, faceva fatica a succhiare e non voleva attaccarsi, perché si sa, il latte artificiale col bibe era più comodo, in gran quantità ed usciva subito!

(altro…)

Continua a leggere