…come nella più bella delle favole, nasceva la mia principessa: Laila. La storia di latte di Ilaria.

Il 5 marzo 2017 come nella più bella delle favole, nasceva la mia principessa:Laila. Tutto era andato a meraviglia, ma come in ogni storia che si rispetti, un elemento di disturbo doveva esserci: Laila stentava ad attaccarsi al seno. Le ore passavano e la mia bimba perfetta faceva fatica a nutrirsi. Io che avevo letto tanto sull’argomento per essere pronta ad ogni evenienza mi resi subito conto che qualcosa non andava e che se non fossi intervenuta subito avrei dovuto rinunciare ad allattarla. Così iniziai a tirarmi il latte e a darglielo col biberon integrando con un po’ di aggiunta perché la mia bimba è sempre stata una mangiona.

Così però le cose non potevano andare avanti se il bimbo non stimola la suzione la produzione di latte non aumenta. Con il passare dei giorni la situazione non migliorava e su consiglio di alcune mamme amiche decisi di rivolgermi a Monica. Lo confesso ero molto scettica, Ma che razza di lavoro è essere una consulente dell’allattamento??? Ebbene dopo aver sentito Monica già solo telefonicamente cambiai immediatamente opinione. La mia super consulente si accorse che la mia piccola aveva una carenza di mobilità della lingua piccolo difetto che tutti solitamente sottovalutano. Nel mio caso invece si trattava del motivo per cui Laila non riusciva ad attaccarsi bene al seno. Monica mi mostrò immediatamente gli esercizi da fare per cercare di “allungarlo” oltre a consigliarmi dei paracapezzoli appositi che facilitassero la suzione. Ed ecco che magicamente la mia bimba iniziava a mangiare senza più biberon, certo in maniera un po’ più macchinosa rispetto agli altri bimbi ma sicuramente era un primo passo. Una sera decisi che Laila era pronta per abbandonare anche il paracapezzolo e così provai ad attaccarla senza. Dopo pochi tentativi la stessa sera il miracolo si compiva e la mia bimba Si alimentava il seno con naturalezza,come se lo avesse sempre fatto. Oggi Laila ha 9 mesi ed anche se ormai svezzata prende ancora il latte della mamma Tre volte al giorno e se la furbetta potesse anche qualche volta in più… un grazie va a Monica che mi ha supportato e ha impedito che lo sconforto prevalesse ricordandomi che si è buone mamme anche se non si riesce ad allattare esclusivamente al seno, e soprattutto che non si deve mollare mai! ( foto Antonio Abruzzese )